Diventa un socio del CIIS

  Entra a far parte della nostra associazione!

 

Insegnanti di Sostegno (C.I.I.S.)

 

    

 

   

  Il comunicato stampaililComunicatoCo

 

Scuola Sarda

In Sardegna buone prassi d’integrazione

Piena soddisfazione da parte del prof. Argiolas per il comunicato stampa della CISL Scuola

Modulo Iscrizione CIIS 


SEGUICI SU FACEBOOK
 
TERZO INCONTRO NAZIONALE DEGLI STATI GENERALI PER IL SOSTEGNO 

Per una proposta di riorganizzazione e di ridefinizione del sistema scolastico inclusivo
Chi partecipa agli Stati Generali per il Sostegno? TUTTI I DOCENTI- I DIRIGENTI SCOLASTICI. - I GENITORI. - I RAPPRESENTANTI di Associazioni e del Mondo Accademico
perché l'inclusione riguarda TUTTI
ANDRIA 24-25 maggio 2019

presso l'I.C. Imbriani-Salvemini (Andria)

(Nota Bene: per partecipare è necessario iscriversi)
Giornate di formazione  e di confronto sulle urgenti questioni dell'inclusione scolastica: a) Mancanza di docenti specializzati: al via i corsi di specializzazione per il sostegno? b) Allarme ritorno delle scuole speciali. c) Nuove norme per il sostegno (ruolo delle famiglie, formazione del personale della scuola, nuova certificazione, nuovo PEI, ITER ore di sostegno: ancora tagli?) d) Separazione delle carriere o formazione di tutto il personale docente?  e) Cattedra Mista o Incarico misto: una nuova organizzazione per rilanciare il processo inclusivo
Per iscriversi agli Stati Generali, compilare e inviare il MODULO ON-LINECLICCA QUI


 BOZZA PROGRAMMA

PUNTO DI VISTA

INDEROGABILE LA FORMAZIONE DI TUTTO IL PERSONALE DOCENTE E DIRIGENTE: LA CULTURA DELL’INCLUSIONE NON È NEGOZIABILE!

Stati Generali per il Sostegno - Andria: 24-25 maggio 2019

La terza edizione degli “Stati Generali per il Sostegno”, promossi dal CIIS (Coordinamento Italiano Insegnanti di Sostegno), si svolgerà nella città di Andria, in Puglia, venerdì 24 maggio e sabato 25 maggio 2019, presso l'Istituto Comprensivo "Imbriani Salvemini", diretto dalla Dirigente Scolastica prof.ssa Celestina Martinelli. Con questa iniziativa, giunta alla terza edizione, il CIIS intende raccogliere indicazioni, anche di tipo operativo, provenienti da chi, nella scuola, ci lavora ogni giorno: insegnanti, dirigenti e quanti operano nella scuola insieme a genitori, rappresentanti di associazioni, del mondo accademico e sociopolitico. L’obiettivo è di riflettere sul contesto attuale, ragionando su come stia cambiando la scuola dell’inclusione, quali siano le novità in essere, e, al tempo stesso, analizzando il processo in atto anche da un punto di vista culturale e organizzativo, le cui criticità sono a tutti note. Riteniamo urgente proseguire questo dibattito, attraverso un confronto aperto e sereno, al fine di individuare "modalità e azioni efficaci" che consentano di migliorare e potenziare il processo inclusivo nel suo insieme, proposta da sottoporre all'attenzione del legislatore. 

CAMBIAMENTO DI PARADIGMA: CAMBIAMENTO CULTURALE - Sono molte le questioni che gli Stati Generali per il Sostegno intendono affrontare, mantenendo tuttavia saldi i principi cardine che caratterizzano l'integrazione scolastica: l'irreversibilità del processo avviato e la non negoziabilità di quanto fino a oggi faticosamente conquistato. Ma il concetto di inclusione deve crescere ancora di più, deve radicarsi in modo diffuso e capillare, deve diventare un vero e proprio “essere” della società che intendiamo attuare: una società in cui “Francesco, Antonio, Elena, Silvana, Lorenzo, Marisa” siano chiamati per nome, riconosciuti come “persone" (come "cittadini", come afferma L. d'Alonzo), e non più identificati con una sindrome o un disturbo e bollati con “etichette” associate a stereotipi o preconcetti. Il cammino è ancora lungo e faticoso,  ma è importante “essere in cammino”. È pericoloso, invece, fermarsi, arretrare, rinunciare, gettare la spugna. Andare avanti, passo dopo passo, aiuta a costruire, ad aggiungere solidità e certezze. E, per questo, noi siamo fermamente convinti che solo una scuola di qualità potrà garantire i diritti di “ogni alunno”, nessuno escluso e che, pertanto, si deve procedere da subito con la formazione obbligatoria di tutto il personale docente e dirigente (in servizio e/o in formazione).

PROFESSIONALITÀ COMPETENTE - Il tema riguardante la "Professionalità competente" è uno degli aspetti su cui intendiamo sollevare l’attenzione. Chi lavora nella scuola italiana dell'inclusione deve acquisire la consapevolezza che nelle classi ci sono gli alunni con disabilità e che questi alunni sono "suoi alunni"; ciò presuppone che "ogni insegnante" deve saper lavorare con tutti gli alunni, quindi anche con gli alunni con disabilità e che non può rifiutarsi o giustificarsi con il "Non me la sento" (chi "si rifiuta" o "non se la sente" o pensa di dover occuparsi solamente di una parte degli alunni della classe e non di tutti non può stare nella scuola dell’inclusione). La scuola è un servizio rivolto agli alunni e noi, in quanto docenti, dirigenti, personale educativo e personale ATA, siamo presenti per garantire e tutelare questo loro diritto, avvalendoci della nostra professionalità. È infatti riconosciuto che, nella scuola, la cultura dell’inclusione richieda una mirata competenza professionale, possibile solo attraverso la formazione obbligatoria di tutto il personale docente e dirigente sulle tematiche dell’inclusione scolastica.  

TAVOLI DI LAVORO - Nel corso degli Stati Generali per il Sostegno saranno attivati specifici Tavoli di lavoro, coordinati da esperti, durante i quali i partecipanti potranno offrire indicazioni che aiutino la scuola a realizzare fattivamente i suoi obiettivi inclusivi: dalle strategie e metodologie didattiche alle modalità organizzative; dalla formazione dei “docenti” ai compiti del personale ATA e delle figure educative; dalle proposte riguardanti la classe di concorso, con la separazione delle carriere, a forme organizzative della funzione docente come l’incarico misto; dagli ausili, dai sussidi didattici e dalle tecnologie alla definizione della documentazione a supporto del percorso scolastico fino alla condivisione e alla costruzione di una solida alleanza scuola-famiglia.

Vi aspettiamo!

A conclusione di questo percorso itinerante, il CIIS presenterà al Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca la sintesi delle indicazioni emerse dai Tavoli di Lavoro, organizzati in occasione degli incontri. (Direttivo Nazionale C.I.I.S.)
oNotizie dell’evento: clicca qui
Scarica la brochure del programma 

ISCRIZIONE AL CIIS:

scarica il MODULO


Per iscriversi al CIIS, scaricare il modulo e compilarlo dopo aver versato la quota Associativa. Seguire le indicazioni riportate nel Modulo e inviare all'indirizzo scuolaCIIS@gmail.com 
N.B. = Compilare i campi obbligatori

Clicca qui per scaricare il modulo di iscrizione

"NOI CIISIAMO" RUBRICA INCLUSIONE

Docente di sostegno: tu puoi continuare in quella classe ma … da solo!

di Evelina Chiocca 
Continua a leggere: clicca qui


Continuità educativo-didattica: fac-simile "Modello per  la richiesta"
La continuità riguarda "tutti i docenti della classe".

(clicca qui: modello continuità educativo-didattica)

NEWS FAQgli ultimi quesiti. Per andare alla pagina: clicca qui!

NEWS!
Decreto Legislativo 66/2017

- Disponibilità per "INCARICO MISTO" (Scuola Infanzia e scuola Primaria)

- Disponibilità per "CATTEDRA MISTA (Scuola Secondaria di Primo e di Secondo grado)

VISUALIZZA I MODELLI

SEZIONE "La Documentazione"

Alunni e studenti con disabilità (L. 104/92)
- Modello di Piano Educativo Individualizzato (per la scuola dell'Infanzia, Primaria e per la scuola secondaria di 1° e di 2° grado)

Alunni e studendi con diagnosi di DSA

- Modello di Piano Didattico Personalizzato (per la scuola Primaria e.per la scuola secondaria di 1° e di 2° grado)
Modelli di PEI su base ICF _ (Sezione Didattica Speciale: clicca qui)

Decreto legislativo n. 66/2017: le novità

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       PROSEGUE >
Condividi i contenuti del CIIS sui social